Femminismo mazziniano. Un’idea di emancipazione nell’Italia post-unitaria (1868-1888) a cura di Liviana Gazzetta

Spread the love

La presentazione

Il 4 ottobre sarà presentato alla Fiera delle Parole il volume “Femminismo mazziniano. Un’idea di emancipazione nell’Italia post-unitaria (1868-1888)” a cura di Liviana Gazzetta.

L’evento si svolgerà presso la Sala del medagliere Museo Bottacin c/o Palazzo Zuckermann a Padova alle ore 17,30.

Riferimenti

(https://www.fieradelleparole.it/evento/femminismo-mazziniano-unidea-di-emancipazione-nellitalia-post-unitaria-1868-1888/)

La fiera

Otto giorni di appuntamenti con la letteratura, il cinema, la musica, la scienza, l’arte, il giornalismo, il pensiero. Un ricco calendario di eventi per riportare ancora una volta occasioni di confronto e d’incontro a Padova.

Torna con la nuova edizione “La Fiera delle Parole”, il festival diretto da Bruna Coscia, organizzato da Cuore di Carta eventi e promosso dal Comune di Padova, dove si terrà dal 2 al 9 ottobre.

I contenuti del libro

Per capire il ruolo che storicamente il mazzinianesimo ha esercitato nel panorama politico-ideale dell’Italia liberale, in rapporto alla domanda femminile di cittadinanza, basterebbe forse il giudizio espresso da Annamaria Mozzoni nello scritto del 1864 La donna e i suoi rapporti sociali: «Non posso finire senza rendere omaggio alla scuola sociale del Mazzini, che informata ai principi di una morale giovane e purissima, tende a redimere la crescente generazione dal machiavellismo, e ferma ai principi accoglie la donna, e non accetta al suo diritto limitazione alcuna».

Un giudizio che trova larga conferma nell’ispirazione sostanzialmente mazziniana della principale iniziativa “emancipazionista” italiana del XIX secolo, cioè il periodico «La donna» di Gualberta A. Beccari, che per anni riportò in testata il famoso passo dei Doveri che così recita: «Cancellate dalla vostra mente ogni idea di superiorità: non ne avete alcuna», e ancor più esplicitamente: «Abbiatela eguale nella vostra vita civile e politica».

Ancora nel 1890 Emilia Mariani apriva la sua conferenza all’Esposizione Beatrice con un evidente omaggio a Mazzini. In effetti, all’interno del primo femminismo italiano il nucleo delle esponenti più direttamente influenzate dal mazzinianesimo svolse un ruolo cruciale fino agli anni Ottanta del XIX secolo, spingendosi spesso a rielaborare gli insegnamenti del maestro in modo da ampliarne la valenza emancipativa in rapporto alle nuove problematiche del tempo e, non di rado, anche oltre ciò che all’interno delle stesse file mazziniane era inteso.

Il volume

Il volume si offre come uno strumento di conoscenza e di approfondimento intorno alla questione, coniugando l’approccio critico di un ampio saggio introduttivo a una scelta antologica a corredo, in cui ogni testo è presentato in relazione al contesto, agli attori e al dibattito cui è connesso e analizzato alla luce degli aggiornamenti storiografici specifici.

L’autrice

Liviana Gazzetta, studiosa della storia dei movimenti femminili nell’Italia contemporanea, è presidente dell’Istituto per la storia del Risorgimento – comitato di Padova.

La casa editrice

Gruppo editoriale Tab S.r.l., viale Manzoni, 24/c, 00185 Roma, Italia

www.tabedizioni.it | info@tabedizioni.it | ordini@tabedizioni.it | tel. +39 06 45772750

Redazione
Author: Redazione