Alla scoperta della Necropoli di Villa Pamphili

Nella meravigliosa Villa Pamphili sorge una delle più belle necropoli presenti nella Capitale. Scopriamola insieme!

La necropoli di villa Pamphili, una tra le più belle necropoli presenti a Roma, si sviluppa nell’area occupata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Questa zona, ricordiamo, si utilizza molto spesso per accogliere i capi di Stato delle nazioni estere.

Il complesso della necropoli è molto particolare ed a oggi ancora non completamente studiato; soprattutto per i sistemi ipogei che a causa di interri e riempimenti degli ingressi, sono parzialmente o totalmente inaccessibili. Nella necropoli si conservano alcuni resti murari di sepolcri dalla fine dell’età repubblicana alla metà del II sec. D.C. con particolare riferimento al tipo costruttivo detto “colombario” relativo all’uso dell’incinerazione.

In particolare sono visibili interessanti resti di un muro di recinzione di un monumento in opera quadrata di tufo e peperino con rappresentazione di una finta porta, il cosiddetto Grande Colombario (da cui provengono le pitture conservate al Museo Nazionale Romano) e il Piccolo Colombario, entrambi rinvenuti negli anni 1820- 1830 da scavi effettuati dalla famiglia Doria Pamphilj. A pochi metri di distanza da questi, si scoprì nel 1984 un altro colombario con abbondanti resti pittorici di buona qualità riferibili all’età augustea.

Foto di travelspot liberamente tratta da Pixabay

Alessandro Alongi
Author: Alessandro Alongi

Giornalista, docente universitario e appassionato di diritti. Da molti anni collabora con diverse testate giornalistiche nazionali e locali per cui scrive saggi di cronaca politica, legislativa e società digitale.

Alessandro Alongi

Giornalista, docente universitario e appassionato di diritti. Da molti anni collabora con diverse testate giornalistiche nazionali e locali per cui scrive saggi di cronaca politica, legislativa e società digitale.