Cosa sta facendo davvero il nuovo Consiglio del Municipio XII a guida PD?

In XII Municipio è tempo di bilanci, seppur limitati soltanto ai primi 100 giorni di attività.

Rendiconto scarso, secondo il Consigliere e Capogruppo della Lega Giovanni Picone: “L’attività istituzionale nel Consiglio del Municipio XII da parte del centrosinistra è tristemente relegata ad ideologismi che poco hanno a che fare con il miglioramento della qualità di vita dei cittadini del nostro territorio. Dopo la non positiva esperienza a guida grillina, ci saremmo aspettati ben altra marcia e qualità. Ci dispiace per i cittadini che avrebbero voluto vedere un Consiglio laborioso per affrontare criticità che in questi anni sono sembrate insormontabili e invece continuiamo ad assistere a convocazioni con ordini del giorno che forse hanno più l’obiettivo di cementificare la maggioranza più che lavorare per risolvere i problemi quotidiani.” ha affermato Picone in un post nei giorni scorsi pubblicato sulla sua pagina.

Che aggiunge:A chi vuole i tavoli da Ping-Pong nelle Piazze vorremmo far vedere lo stato delle nostre aree ludiche, rovinate e pericolose, alcune delle quali nemmeno accessibili, come quella su via Mario de Renzi. A chi propone continuamente temi ideologici, vorremmo far toccare con mano le difficoltà delle nostre periferie, che attendono servizi e hanno ricevuto solo promesse. A chi si occupa di un paio di metri quadri di villa Pamphilj, vorremmo far vedere i casali inutilizzati e quelli non rimessi a bando da anni. A chi parla di coprogettazione per spartire immobili comunali, rispondiamo che per Noi è un sinonimo di affidamento diretto. A chi propone mozioni, ma è facile leggere la resa dei conti interna e rivendicazioni tra correnti e sezioni di partito.”, concludendo come “Abbiamo assistito fino ad oggi credendo fossero casi sporadici ma i lavori di Commissioni e Aula seguono sempre questa linea, per noi svilente, deleteria e indecorosa dal punto di vista Istituzionale. Non è il Municipio che volevamo e credo non lo volevano nemmeno i cittadini del XII.”

Picone evidenzia come il Municipio XII si sia occupato spesso, su proposta della maggioranza, di questioni non di sua competenza come la importante vicenda su Patrick Zaki ma che sicuramente non trova e non troverà risposte a Via Fabiola dove i cittadini vanno per problemi quotidiani. La maggioranza si è poi trovata invece divisa per esempio su atti presentati dall’opposizione sul tema delle assunzioni ASL che sono sicuramente più vicine e concrete di azioni ideologiche.

Ha replicato il Consigliere e Presidente della Commissione Politiche sociali Alessandro Alongi, sentito da SPQRDaily per l’occasione.Senza volermi addentrare nel merito degli atti citati, il cui giudizio di bontà lascio ai singoli proponenti, mi è d’obbligo sottolineare il grande lavoro istruttorio che la Commissione politiche sociali sta portando avanti. In soli tre mesi ci siamo occupati di dare vita ad un piano per la tutela della salute mentale e la prevenzione del disagio psichico di tutti gli abitanti del Municipio, attraverso la stipula di un protocollo di intesa con l’Ordine degli psicologi, oltre a prendere un chiaro impegno di aiuto e sostegno nei confronti dei tanti nostri concittadini affetti da malattie rare, in occasione della giornata mondiale lo scorso 28 febbraio. Non solo. Siamo impegnati a comprendere come valorizzare il lavoro dei percettori di reddito di cittadinanza, ovvero come poter impiegare tutti coloro i quali usufruiscono di questo sussidio per poter svolgere dei piccoli lavori per conto del Municipio e dei suoi abitanti. Abbiamo, ancora, avviato un confronto sulla prevenzione e il contrasto ad ogni tipo di violenza, e stiamo affrontando anche il tema delle adozioni e degli affidi familiari di tutti quei bambini che sul nostro Municipio non hanno la fortuna di avere una famiglia, oltre ad avere avviato (e cosa su cui stiamo lavorando in maniera approfondita) un tavolo per risolvere le molte criticità segnalateci dai genitori di ragazzi affetti da disturbi dello spettro acustico. E tanto altro ancora”.

“Dopo gli ultimi eventi, soprattutto legati alla pandemia, il tessuto della nostra società si è molto indebolito” ha continuato Alongi. “Per questo non posso concordare con Picone, persona intelligente e che stimo personalmente. Stiamo cercando in ogni modo – e a questo va dato merito al Presidente Eli Tomassetti – di limitare le diseguaglianze e creare politiche di inclusione volte a ridurre il rischio di un aggravamento delle condizioni di marginalità di rilevanti gruppi di cittadini del nostro Municipio, attivando tutti quei percorsi utili a ridurre il divario economico, sociale ed educativo di cui il nostro territorio, purtroppo, non è esente”.

Non solo ping pong, dunque, ma anche provvedimenti che incidono profondamente nella vita delle persone.

Cosa ne pensano i cittadini della nuova amministrazione? Scrivete i vostri commenti e lettere a redazione@spqrdaily.it

Redazione
Author: Redazione